Per gli appassionati di moda l’idea di lavorare in questo settore rappresenta un sogno nel cassetto. Se spesso si associano a questo mondo le attività di stilisti, modelli e influencer, c’è un’altra figura professionale di grande peso che svolge un ruolo cruciale nel comparto dell’abbigliamento. Stiamo parlando del fashion buyer, esperto che gioca un ruolo fondamentale per il settore, essendo il responsabile degli acquisti.  Specializzato nella moda, svolge la sua attività per brand, case produttrici di abiti e accessori, catene di abbigliamento e attività legate al fashion. 

Di che cosa si occupa un Fashion Buyer?

Se il buyer è il responsabile degli acquisti di un’azienda, occupandosi della gestione della catena di fornitura, il fashion buyer è un responsabile degli acquisti specializzato nel settore moda, che lavora per le aziende del settore.

Grande conoscitore della moda, si tratta di una mente creativa il cui compito è analizzare tutto quello che riguarda l’abbigliamento, dal mercato, alle tendenze, ai meccanismi di vendita. Tutte queste informazioni rappresentano la bussola del buyer di moda, grazie alle quali seleziona cosa sarà presente nei negozi. Quello che vediamo nei punti vendita o negli shop online, infatti, è frutto di un’attenta selezione realizzata proprio dal fashion buyer. Nelle sue scelte un forte peso è ricoperto dall’analisi del target di riferimento dell’impresa per cui lavora. 

Il buyer della moda si occupa anche di definire i budget, stabilendo come vengono impiegate le risorse per assortire i negozi, e ottimizzando i costi, attraverso una trattativa diretta con i fornitori. Inoltre, gestisce la catena di fornitura nei suoi vari passaggi, migliorando i processi di stoccaggio.

Per quanto riguarda la sua attività, questa figura è sempre aggiornata sulle tendenze del momento e pertanto immancabile alle sfilate e agli eventi di settore nonché molto attiva sui social, fonte d’ispirazione per conoscere meglio le mode del momento. 

Osservatore delle tendenze, questo professionista ha il compito di capire di cosa le persone abbiano davvero bisogno in uno specifico momento. Grazie al suo lavoro i capi e gli accessori che si trovano nei negozi rispondono ai bisogni effettivi dei consumatori, anticipando così la domanda.

Come diventare fashion buyer: i percorsi da intraprendere 

Il fashion buyer deve avere particolari competenze che spaziano dalla moda all’economia, dal marketing alle lingue. Altri elementi immancabili per questa professione, sempre più richiesta negli ultimi anni, è la predisposizione a coltivare le pubbliche relazioni, uno spiccato gusto per la moda, un forte intuito e la disponibilità a viaggiare molto.

Diventare buyer della moda richiede tanta preparazione. Partendo dalla grande passione per il mondo fashion, si possono intraprendere determinati studi, anche se non esiste un unico percorso, essendo una professione che richiede molteplici competenze. 

Frequentare un corso di laurea in Moda e Design può aprire la strada per intraprendere il lavoro del fashion buyer, in quanto conoscere il settore è fondamentale in questo tipo di attività. Se il titolo di laurea non è una condizione obbligatoria, comunque aver frequentato un’università con materie economiche è di grande aiuto per svolgere la professione di buyer della moda. 

Negli anni si sono diffusi corsi ad hoc per formarsi come fashion buyer, in cui spesso è previsto anche uno stage, per fare pratica sul campo, al fianco di professionisti attivi nel settore. Tra questi per esempio ci sono il Master in Fashion Management dello IED, il Corso di Fashion Buying della NABA e il Corso in Fashion Business & Buying dell’Istituto Marangoni di Firenze.

Per avere più informazioni rivolgiti a Daniele Giovani, fashion buyer e shoes designer milanese, fondatore della sua omonima luxury multi-brand boutique e del suo shop online, dove puoi trovare tanti accessori di altissima qualità, al passo delle tendenze, realizzati da rinomate firme della moda.