Ogni anno, a settembre e a febbraio, si attua un avvenimento importante presso il quartiere fieristico di Rho Fiera che vede la partecipazione di tutti gli operatori del settore delle calzature provenienti da tutto il mondo.

La Fiera si estende su una superficie di circa 63.000 mq. Ogni edizione ospita circa 1.400 espositori, di cui più di 600 internazionali. Per quanto riguarda le visite, ogni edizione accoglie più di 45.000 visite certificate, delle quali metà provengono da circa 130 paesi stranieri. Da tali numeri si deduce che Micam svolge la funzione di palcoscenico per la promozione delle nuove collezioni e contemporaneamente è luogo privilegiato per l’avvio di nuovi contatti commerciali. Micam propone inoltre interessanti sfilate sia dei brand affermati che degli emergenti e momenti di spettacolo legati al mondo della calzatura.

Fino a qualche anno fa non andavo al Micam immaginandolo una specie di bolgia dantesca. In realtà non è affatto così. Innanzitutto per me è sempre piacevole rivedere la Fiera. La struttura, in vetro e acciaio reticolare, progettata da Massimiliano Fuksas, è vasta ma leggera. La Vela, in alcuni punti, supera i 30 metri di altezza formando “crateri”, “onde”, “dune”, ”colline”. La sostengono colonne di metallo. Leggera e trasparente, copre e protegge lo spazio sottostante e ne definisce la continuità visiva che si sviluppa in modo lineare.

Il Micam è talmente ben programmato che difficilmente si fanno code e comunque di breve durata. Gli stand, numerati, evidenziano il nome dell’espositore e così, se si sa da chi andare, il tutto si svolge celermente senza vane ricerche.

Per me entrare in uno stand rappresenta un momento felice: un’occhiata rapida coglie una visione complessiva dell’esposizione e predispone al tipo di acquisti. Ma il momento più bello è l’incontro con gli addetti  allo stand, con cui si è riusciti a stabilire un rapporto di fiducia e in qualche caso di vera collaborazione. I sorrisi e gli abbracci corrono.

Indubbiamente questi sono i momenti più emozionanti della vita di un buyer.